Giustizia e Pace

Norme di stili di vita.

Combattiamo il caporalato

Il 2016 va in archivio con un doppio successo legislativo nella lotta allo sfruttamento in agricoltura: Protocollo nazionale

(siglato a maggio) e legge (approvata a ottobre). Ora la sfida è il coinvolgimento di tutti gli attori di filiera, dai produttori ai consumatori.

Piegati sui campi a raccogliere pomodoro. Nascosti nelle serre dove si producono primizie, ma si raggiungono temperature di 50 gradi.

Accampati sotto gli alberi di agrumi. Stagionali o impiegati in nero per buona par te dell’anno. Tra i tanti lavoratori sfruttati nelle campagne d’Italia, ci sono anche molti potenziali richiedenti asilo.

Una storia, per tutte. Jasim, 26 anni, proveniente dal Bangladesh, si è presentato negli scorsi mesi al Presidio di Ragusa, accompagnato da un collega rumeno, per richiedere un inter vento legale relativo alla mancanza di permesso di soggiorno. Dapprima ha raccontato di lavorare per 10-12 ore al giorno nelle serre, percependo un salario di 25 euro al giorno e dormendo, con altre quattro persone, in un capanno degli attrezzi. Poi, dal colloquio con il legale, è emerso che era in condizioni di richiedere la protezione internazionale. Ha infatti dichiarato di essere vittima di violenze e coercizioni, in quanto attivista politico del partito di opposizione a quello al governo. Ha mostrato le cicatrici, che il medico del Presidio di Ragusa ha riconosciuto come probabili segnali di tortura.

Dalla relazione di fiducia stabilita con lui, si è poi risaliti al datore di lavoro, che si è detto disponibile a regolarizzare la posizione lavorativa del ragazzo, una volta in possesso di un documento di soggiorno valido.

Grazie alla intermediazione di Jasim sono venuti allo scoperto altri 30 ragazzi bengalesi che lavorano in aziende del ragusano, in condizioni di segregazione all’interno delle serre e di sfruttamento lavorativo, completamente privi di tutele, non in grado di comprendere e parlare la lingua italiana. Braccia da lavoro, o poco più

NEWS

Festival della Pace
23/11/2017 | Giustizia e Pace

Programma delle iniziative promosse nel Festival della Pace…

Leggi di più

Marcia interreligiosa per la pace 2017
04/05/2017 | Giustizia e pace

Brescia per la pace - 4 maggio 2017, si parte dalla chiesa dei santi Faustino e Giovita in Brescia alle ore 20.30

Leggi di più

Io non odio
Giustizia e Pace

Mostra fotografica nella Chiesa di San Cristo Re dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19

Leggi di più

Il gioco vero è un’altra cosa
Ufficio per l'Impegno Sociale

88 miliardi di euro è la cifra spesa dagli italiani in azzardo ...

Leggi di più

© 2017 Diocesi di Brescia