Sei in:Home page CuriaUfficiBiblioteca diocesana Lucian...Il realismo cristiano di F....
01/03/2019 | Biblioteca Diocesana

Il realismo cristiano di F. Hadjadj

Venerdì 1 marzo, alle 18.00, la Biblioteca ospiterà Mauro Toninelli con l'opera: "Siate fedeli alla terra! Il realismo cristiano nella rilettura di F. W. Nietzsche ad opera di F. Hadjadj"

Presenta: Nicola Rocchi, Direttore di Atlante Bresciano

Interviene: Mario Zani, docente di Filosofia presso lo Studio Teologico Paolo VI e l'ISSR dell'Università Cattolica

Si nota spesso un materialismo-nichilista così presente nella visione della realtà di molti giovani. Quel modo di vedere il mondo e la vita che ormai diviene colonna sonora (Vasco?) che colora lo sguardo delle giovani generazioni davanti alle domande della vita. La risposta si gioca in queste tensioni. E il disorientamento, con poche o nessuna certezza, di Giovanni, Claudia, Stefano o Sara, nel pieno dell’adolescenza, sono un urlo assordante. Ma assumendo pienamente questo disagio, fin nella sua profondità, non è forse possibile scovarne una domanda di senso che il cristianesimo può intercettare? Friedrich Nietzsche, con l’annuncio della morte di Dio, ha tentato di mostrare come le concezioni antiche metafisiche e religiose, soprattutto cristiane, non avessero alcun senso nel tentativo di svuotare il mondo di qua in favore di un mondo che sta di là. La soluzione per andare oltre questi nichilismi, fasulli o deboli, è l’oltreuomo e la fedeltà alla terra.
Fedeltà al dato materiale che porta oltre l’uomo stesso. Questa è la chiave perché l’uomo si realizzi nell’oltreuomo secondo Nietzsche. Ma non materialismo.
E questa è la chiave con cui Fabrice Hadjadj, filosofo contemporaneo francese, prova a spiegare nei suoi testi, a partire dalla propria esperienza personale, la possibilità che il cristiano sia la realizzazione dell’oltre nichilismo offerto da Nietzsche.
Nel lavoro che segue, con un metodo tutt’altro che analitico, ma più vicino alla letteratura filosofica, si tenterà di mostrare i punti salienti di questi passaggi. Nel parallelismo tra Nietzsche e Hadjadj, al di là della distanza temporale, si notano come il modo di procedere del ragionamento siano simili, come il pensiero dell’uno si innesti sull’altro, dialoghino e su molti passaggi trovino le stesse lunghezze d’onda.
In una forma che strizza l’occhio al lettore nel tentativo di offrirgli assaggi di filosofia e di pensiero con una certa leggerezza, si snodano i capitoli del lavoro.
Il punto cruciale della ricerca è concentrata nel terzo capitolo. La fedeltà alla terra, tanto desiderata e auspicata da Nietzsche, si svela come apertura al sovrasensibile e al trascendente nel pensiero di Hadjadj. È proprio nel profondo della terra che si scoprono i cieli e solo grazie alla fedeltà al dato concreto c’è una fedeltà anche a ciò che lo trascende. Ma non lo nega. Fedeltà al dato per un essere umano significa corpo, morte, sessualità... Un'antropologia dall'incedere logico che si apre al Dio cristiano nel ragionamento stringente e logico. In quest’ottica Hadjadj constata come, in fondo, il Dio cristiano abbia ben chiaro il valore della carne e del corpo. Il mistero dell’Incarnazione dice proprio questo: la salvezza arriva grazie alla carne. Dio assume l’umanità attraverso la carne.
La fedeltà alla terra di Nietzsche offre una via verso Dio.
Questa intuizione di Hadjadj diventa apertura ad una interpretazione nuova del messaggio dell’oltreuomo e offre nuove risposte ai quesiti della contemporaneità. E diviene la possibilità concreta che il cristianesimo ha per intercettare le domande di senso dei giovani e dell’uomo di oggi.
Adolescenti compresi.
Visto però da dove si riscoprono, forse vale la pena dire che sono risposte vecchie come il mondo.

PHOTO GALLERY

vuoto

LEGGI ANCHE

Una rilettura de Il Signore degli Anelli
18/10/2019 | Incontro con Mauro Toninelli in Biblioteca

Presentazione del volume 'Colui che raccontò la grazia', Cittadella 2019

Leggi di più

Inaugurata la mostra 'Una considerabile selva... Suggestioni dal Fondo antico della Biblioteca Diocesana'

La mostra sarà visitabile fino al 31 gennaio 2019, durante gli orari di apertura della Biblioteca

Leggi di più

Padre Giuseppe Barzaghi in Biblioteca!
22/11/2018 | L'Universo di san Tommaso d'Aquino

Giovedì 22 Novembre 2018, alle ore 18.15, la biblioteca ospiterà padre Giuseppe BARZAGHI, introdotto dal prof. Luciano PACE, sul tema: L’Universo di san Tommaso d’Aquino. Come e dove fissare lo sguardo? 

Leggi di più

Ludwig Monti: Come pregare i salmi oggi?
26/04/2017 | Sesto evento della rassegna "La parola all’autore"

I salmi sono il respiro dei nostri sensi e dei nostri sentimenti, la carne delle nostre relazioni quotidiane. Perché ci siamo allontanati da questo tesoro, che per secoli ha costituito la preghiera di uomini e donne nella gioia e nel dolore, nell’esultanza e nel pianto? 

Leggi di più

La vita spirituale secondo Guglielmo di Saint-Thierry
15/03/2017 | La parola all’autore

Nel quinto evento della rassegna "La parola all’autore" con sr. Cecilia Falchini, monaca di Bose, affronteremo il tema della vita spirituale secondo l’insegnamento che traspare dagli scritti di un monaco benedettino e poi cistercense del XII secolo, Guglielmo di Saint-Thierry.

Leggi di più

L’inferno di Hana e delle donne yazide
18/01/2017 | Quarto evento della rassegna "La parola all’autore"

Claudia Ryan presenterà in Biblioteca Hana la yazida. L’inferno è sulla terra (San Paolo 2016)  

Leggi di più

Beghine, umiliate e bizzocche in Italia
16/11/2016 | Terzo evento della rassegna "La parola all’autore"

L’appuntamento è la continuazione di quello tenuto da Silvana Panciera, dedicato al movimento beghinale europeo.

Leggi di più

© 2019 Diocesi di Brescia