Missioni - Testimonianze

Kiremba: cronaca di una mattinata qualunque

Da un po’ di tempo, trovare carburante in Burundi è come vincere un terno al lotto. In capitale c’è qualche probabilità in più di riuscirci, ma dove sono io, “cacciato in tanta malora” a Kiremba, bisogna sperare nel classico colpo di fortuna.

Intanto il distributore più vicino si trova a 30 km di distanza, nella cittadina di Ngozi. Inutile azzardarsi ad andarvi se non si è sicuri di trovare carburante. Vero è che c’è sempre la scappatoia del mercato nero, florido come ovunque.

Funziona così: tu arrivi alla pompa del distributore, dove l’addetto è spaparanzato su una sedia traballante e prima ancora che tu spenga il motore ti fa cenno con la mano che il carburante è finito.

A quel punto, mentre stai per allontanarti sconsolato, si avvicina il ragazzotto di turno che ti sussurra al finestrino: “Se ti serve gasolio, io ce l’ho”. Allora iniziano le trattative; lui spara alto, 80.000 fbu per una tanica da 20 litri, che è il doppio del prezzo normale. Discutendo un po’ si riesce a scendere fino a 60.000, che comunque è una volta e mezzo il valore della merce in questione.

La cosa mi secca. Ma mi incuriosisce anche, perché mi chiedo sempre come fanno alcuni ad avere il carburante se tutte le pompe dei distributori sono vuote. Un giorno uno di questi ragazzotti in vena di confidenze mi ha raccontato il trucco.

“Hai visto i camion che stanno lavorando lungo la strada?” Mi chiede. E chi non li ha visti? Ce ne sono una dozzina che fanno la spola per eseguire lavori di riparazione che vanno avanti da mesi. La ditta che fa i lavori è statale, e quindi per loro il carburante c’è sempre.

“Noi sappiamo dove sono parcheggiati i camion durante la notte – mi confessa il ragazzo che evidentemente fa parte di una banda organizzata – e andiamo a svuotargli i serbatoi…”.

Faccio finta di non aver sentito e vado avanti con le mie contrattazioni sul prezzo: dopotutto io la macchina non la uso per andare a divertirmi, ma per un Ospedale, e da dove venga quel carburante poco mi importa.

Stamattina però ero sicuro che avrei trovato il prezioso gasolio, perché prima di riempire il serbatoio con il resto della riserva e caricare sei taniche vuote in macchina, ho chiamato un amico che sta a Ngozi. “Vieni tranquillo – mi ha rassicurato – ho fatto il pieno ieri e al distributore c’è tutto il carburante che vuoi”.

Quaranta minuti più tardi sono davanti alla pompa del distributore. Ma la scena che si ripete è quella consueta dell’addetto che alza pigramente una mano per indicarmi col pollice verso che il carburante è finito. Qualche metro più avanti c’è anche il solito ragazzotto in agguato, ma tutto l’insieme della faccenda incomincia a insospettirmi.

Chiamo l’amministratrice dell’Ospedale, più abituata di me a districarsi in questo genere di situazioni. “Cinque minuti e ti richiamo”, mi dice in tono ottimistico. Poco dopo il mio telefonino lancia un grido. “Ho parlato con una certa signora…: devi andare nel suo negozio di chincaglierie, e lei ti spiegherà come fare”.

La cosa sembra fin troppo facile; mi dirigo alla bottega “ChezNtazimba” dove una donna corpulenta mi attende sulla soglia. “Quanti litri ti servono?” Mi domanda senza preamboli. “Se possibile 120”, azzardo timidamente. “Ora vedo cosa posso fare”, e prende in mano a sua volta il telefono mettendosi a parlare in swahili con qualcuno all’altro capo del filo.

Finita la conversazione, chiama l’aiutante del negozio dandogli ordine di accompagnarmi. Mi aspetto che mi porti in qualche deposito nascosto, ma con mio stupore torniamo esattamente alla stessa pompa di carburante che avevo lasciato un quarto d’ora prima. Ora l’addetto, che ha subito notato da chi sono accompagnato, balza in piedi e mi riceve con un sorriso.

“Quanti litri capo?” Vorrei dirgli: “Riempimi i bidoni, cialtrone”, ma scelgo la versione soft: “Se riempi tutte e sei le mie taniche, ti offro una bottiglia di birra”.

Prima che finisca la frase sta già armeggiando con la pompa e in pochi minuti i miei bidoni sono pieni, senza che nessuno se ne stupisca o faccia domande che resterebbero senza risposta. Pago al prezzo normale della pompa, senza aggiungere un soldo, a parte la bottiglia promessa al benzinaio con il quale di colpo ho fatto amicizia.

Affare concluso e missione compiuta, ora posso prendere la via del ritorno.

Dei 30 km che mi separano da Kiremba, i primi 20 sono di strada asfaltata sulla quale la mia Toyota doppia cabina scivola veloce in mezzo a pendii coperti di piante di banane e di caffè.

Arrivo al bivio dove inizia la strada sterrata: da qui ho ancora venti minuti, da percorrere con la dovuta cautela per le buche che si sono accentuate con l’inizio della stagione delle piogge. Una donna sul ciglio della strada mi fa cenno che vuole un passaggio. Ha un bambino accovacciato sulla schiena, come si usa qui. L’unica parola che mi ripete, in kirundi, è: “Muganga, muganga!”, cioè: medico.

La faccio salire pensando che se dovesse fare a piedi la strada fino all’ Ospedale le ci vorrebbero non meno di due ore, e se quel bimbo è malato mi immagino in che condizioni ci arriverebbe.

Si siede davanti accanto a me, mettendosi il bambino sulle ginocchia: noto la sua preoccupazione, alleviata solo in parte dal sollievo per aver trovato un passaggio del tutto insperato. Facciamo qualche chilometro in silenzio. Il bimbo, che può avere poco più di un anno, né piange né si agita. A un tratto vedo che la mamma lo chiama, poi lo scuote: non risponde.

La sua agitazione non può che contagiarmi, per quanto cerchi di mantenere la calma. Il piede pigia sull’acceleratore con le taniche di gasolio sballottate nel cassone. La donna ormai è in preda al panico e inizia a piangere sommessamente. Qui è molto difficile veder piangere una persona adulta: devonomostrare che sono forti.

Con la coda dell’occhio, mentre devo fare attenzione a dove metto le ruote della macchina, scorgo il bambino in braccio alla mamma a peso morto, con le braccia penzoloni.

Ormai la donna è disperata: vedo che con un lembo del panno in cui è avvolta copre la testa del bambino, mentre con il dorso della mano si asciuga le lacrime che le rigano il volto. E’ finita!

Perché? Non è giusto! Non so se pregare o imprecare…Ancora due chilometri. Mille domande mi si accavallano nella testa frastornata. Perché questa donna ha cercato il medico così tardi? Quanti altri figli avrà a casa che l’aspettano? Che cosa deve significare per una madre vedersi morire tra le braccia il suo bambino? Come farà a raccontare la sua tragedia al marito, ai vicini, ai familiari?

Il motore ruggisce sull’ultima curva; la sagoma dell’ospedale appare in lontananza. Sfreccio davanti alla chiesa proprio mentre il campanile batte mezzogiorno. La gente allunga il collo incuriosita per vedere chi si trova con me dentro la macchina, intuendo che c’è qualcosa di grave.

Ecco il rettilineo dell’ospedale; a cinquanta metri dal cancello incomincio a suonare il clacson all’impazzata. La gente si sposta, i battenti del cancello si spalancano e la macchina si blocca davanti al Pronto Soccorso con uno stridio di freni.

Saltiamo giù, io davanti e la povera donna dietro, con in braccio il suo fagotto inerte. Scansiamo la fila dei malati che aspettano il loro turno; chiamo la capo sala che strappa il bimbo dalle braccia della mamma e lo stende sul lettino. Ha il corpo come una torcia, ma respira: Dio sia lodato!

L’infermiera cerca la vena del bimbo e gli inietta un antipiretico per abbassare la febbre, la mamma si asciuga le lacrime e riprende a sperare…

Non ho il coraggio di restare a guardare. Non so se il bimbo sia salvo: bisognerà attendere qualche ora, ma “forse” ce la farà.

Dopo due ore ritorno in punta di piedi e con il cuore in gola: scosto una dopo l’altra le tende che separano i letti del Pronto Soccorso, finché scorgo la donna su un materasso smunto, con il bambino che piange accanto a lei. Piange ma si è ripreso, e la mamma mi si avvicina e mi afferra commossa le mani per ringraziarmi.

Penso che quel che ho fatto è solo il minimo che potessi fare. E che, se avessi trovato subito il carburante al distributore e fossi rientrato un’ora prima, forse quel bimbo non sarebbe mai arrivato vivo all’ospedale.

Gigi Aziani

LEGGI ANCHE

Educare alla sostenibilità integrale
Missioni - Formazione

Il corso intende offrire strumenti e conoscenze utili a promuovere un approccio integrale al tema della sostenibilità, con particolare riferimento ai 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030, nella prospettiva dell'enciclica Laudato si' di papa Francesco sulla cura della casa comune.

Leggi di più

Quaresima 2019 - Nei volti il Volto
Missioni - Avvenimenti

La santità si incontra. La si legge nei volti e ha volti differenti. La si può certo anche raccontare ed anzi si ha piacere di farlo quando la si scopre. 

Leggi di più

Buon Natale dal Burundi
Missioni - Testimonianze

Anche a Maria e Giuseppe avevano detto che non c’era posto, ma non era vero. Gesù non è accolto perchéci costringe a non essere più comodi. Ma dove lo si accoglie ci si trova che forse non si è più comodi come prima, ma si sta bene. Non solo, ci si trova più vicini, uniti, solidali, come le persone che hanno fatto spazio alla vecchietta sulla loro panca.

Leggi di più

Buon Natale dal Brasile
Missioni - Testimonianze

Un altro Natale si avvicina, un altro anno sta terminando, e nella corsa del nostro quotidiano, il Signore ci invita

Leggi di più

Buon Natale da Buenos Aires
Missioni - Testimonianze

Vicino al Natale il pensiero vola per raggiungere le persone a cui si vuole bene, e verso le quali nutro riconoscenza. Il Natale ci trova più sensibili interiormente e ci fa andare all'essenziale.

Leggi di più

Buon Natale dal Togo
Missioni - Testimonianze

Che possiate farvi una passeggiata tra il muschio e, insieme ai pastorelli, prendere la via indicata dalla stella...

Leggi di più

Buon Natale dal Venezuela
Missioni - Tstimonianze

Il Natale che stimo vivendo in Venezuela quest'anno è diverso dagli altri, molta gente se ne è andata dal Paese per necessità, molti altri sono migrati nella nostra zona aurifera in cerca di fortuna, per cui non potranno vivere in famiglia queste feste. Anche i segni esterni del Natale sono pochi e la gente non può comprare regali. Quello che guadagna non basta per il cibo. Un po' meglio se la passano i minatori, che però rischiano aggressioni, estorsioni, malattie, soprattutto la malaria. Per questi e altri motivi già molti sono morti o sono stati ammazzati. Nella ricerca dell'oro si stanno invadendo zone di foresta del territorio indigena, le conseguenze sono devastanti per l'ambiente, aumenta l'inquinamento dell'aria e dei fiumi, e molte comunità indigene hanno perso la tranquillità. Si parla anche di massacri perpetrati da bande armate. In un prossimo messaggio invio foto dell'attività che sta svolgendo suor Concita e alcuni collaboratori per i bambini delle comunità indigene Kariña.

Di nuovo saluto tutti e invoco su di voi la benedizione divina, che Gesù bambino porti la pace nei vostri cuori, nelle vostre famiglie e nel mondo intero.

Don Giannino Prandelli

Leggi di più

Il Natale a Ilembula
Missioni - Testimonianze

La festa di Natale parla di accoglienza. Gesù vuole essere accolto e molti altri con lui. Chi l’accoglie vive poi in una dimensione nuova dove regna l’amore e dove ci si aiuta a vicenda. Per fortuna la gente normale è ancora molto accogliente. Molte volte sento la frase: “l’ospite è una benedizione”. Questa mentalità è frutto di esperienza umana profonda.

Leggi di più

Il Natale a Giriteka
Missioni - Testimonianze

Un Natale ricco di serenità e di pace, che nasce da un amore condiviso e dalla fraternità più gratuita verso chi non può contare che su questa per ricominciare a sperare nella vita.

Leggi di più

Padre, è giunta l’ora
Missioni - Testimonianze

È giunto il momento di lasciare tutto. Lo ha indicato Lui con segni chiari che resteranno nel mio cuore.

Leggi di più

Giovedi della Missione
Missioni - Formazione

Questa serie di incontri, realizzati in collaborazione con gli Istituti Missionari presenti a Brescia, vogliono essere una occasione di formazione e riflessione in chiave missionaria a partire da alcune priorità segnalate dal Vescovo Pierantonio nella sua prima omelia a Brescia.

Leggi di più

Giovani in Missione – Nuovi Stili di Viaggio
Missioni - Formazione

Da sempre la missione è un luogo che offre ai giovani una forte occasione di fare un incontro con se stessi, con la propria Fede e con i poveri.

Leggi di più

I miei missionari in Africa
Missioni - Testimonianze

Ho un desiderio: renderti partecipe di alcune emozioni, riflessioni, ma soprattutto di condividere quello che anche io sto ricevendo… se fa bene a me può far bene anche a te!

Leggi di più

Kiremba - Luglio 2018
Popoli tutti acclamate il Signore

Leggi di più

Kiremba- Ottobre 2018
Vivere la missione con gioia

Permesso, scusa, grazie sono parole che fanno bene a chi le riceve e soprattutto a chi le pronuncia, perché non sono solamente segno di buona educazione, ma aprono alla bellezza della relazione e guariscono le piccole ferite quotidiane. Papa Francesco le raccomanda e le affida al lessico famigliare, proprio per questo vorrei rivolgerle alla grande famiglia che sette anni fa mi ha accolto all’Ufficio per le Missioni.

Leggi di più

Veglie Missionarie 2018

Anche quest'anno si rinnova l'invito a partecipare alle veglie per l'inizio del mese missionario. Saranno momenti di preghiera e di riflessione in cui ricorderemo tutti coloro che operano nel mondo missionario.

Leggi di più

Kiremba - Maggio 2018
Dalle idee alla vita - La missione è possibile

Leggi di più

Kiremba - Luglio 2018
Popoli tutti acclamate il signore

Tra pochissimi giorni il Vescovo Pierantonio consegnerà alla nostra chiesa bresciana la sua prima lettera pastorale intitolata “Il bello del vivere. La santità dei volti e i volti della santità”; l’attesa è forte perché si intuisce che dalla lettera pastorale del Vescovo possano essere desunti gli orientamenti fondamentali e le linee programmatiche del suo episcopato: il pastore, successore degli Apostoli, indica e conduce il gregge che gli è affidato.

Leggi di più

Un 'opera teatrale per raccontare la missione
Missioni - Appuntamenti

Nella serata del 4 giugno 2018, presso il Teatro Sociale di Brescia, si potrà assistere ad una rappresentazione teatrale liberamente tratta dalla vita della Beata Irene Stefani (missionaria della Consolata in Kenya nel 1930 e beatificata nel 2015), a cura della compagnia teatrale Controsenso: “Una storia di silenzi, di occhi bassi, di mani rotte e di scarpe consumate. Una storia di amore, di pazienza, di fatica. Di strade lunghe e polverose, di mondi lontani. Una storia di coraggio, di fede, di carità." 

Leggi di più

Kiremba - Marzo 2018
Nulla è impossibile a Dio

Leggi di più

Kiremba - Maggio 2018
Dalle idee alla Vita - La missione è possibile

Mi capita spesso di ascoltare alcune critiche circa la presunta astrattezza e idealità della proposta di fede...

Leggi di più

Kiremba - Marzo 2018
Nulla è impossibile a Dio

Nel cuore del tempo quaresimale lo sguardo si volge alla passione, morte e resurrezione di Gesù. Papa Francesco, rivolgendosi ai credenti, sottolinea un atteggiamento di grande vigilanza interiore per evitare il grande rischio di “avere uno stile di Quaresima senza Pasqua” cedendo ad una tristezza individualista.

Leggi di più

Kiremba - Dicembre 2017
Povera chiesa. Passato o futuro?

Leggi di più

Kiremba - Luglio 2017
Leggere i segni di speranza

Leggi di più

Kiremba - Maggio 2017
Esodo: il popolo di Dio in cammino

Leggi di più

Don Pietro Parzani
Fidei Donum

Mozambico

Leggi di più

Buon Natale dalla Tanzania
Missioni

Don Taricisio Moreschi ci scrive :" Crediamo al vangelo e convertiamoci davvero. Buon Natale. Facciamo in modo che sia buono, specie per i deboli e i poveri".

Leggi di più

Kiremba - Dicembre 2017
Chiesa povera o povera chiesa?

Non so se torneremo ad essere una Chiesa povera, ma talvolta forse rischiamo di essere una povera Chiesa: questa affermazione sembra un gioco di parole, ma non vuole esserlo, almeno nelle intenzioni.

Leggi di più

Festival della Missione: dicono di noi...
Missioni - Eventi

Nel numero in uscita (settembre-ottobre), Popoli e Missione, la rivista delle Pontificie Opere Missionarie e della Fondazione Missio, dedica un ampio dossier al Festival della Missione. Per gentile concessione dell'editore pubblichiamo il reportage di Ilaria De Bonis su come Brescia e il suo Ufficio missionario si stanno preparando a questo evento

Leggi di più

Kiremba - Febbraio 2017
Prendete e mangiatene TUTTI - Quaresima Missionaria

Leggi di più

Kiremba Dicembre 2016
"Brescia, una Diocesi generosa" Papa Francesco

Leggi di più

100 giorni al via del primo Festival nazionale della Missione
Missioni - Eventi

"Mission is possible" è il titolo della prima edizione del Festival della Missione, in programma a Brescia dal 13 al 15 ottobre 2017. Promosso dalla Cenferenza degli istituti missionari italiani (Cimi), da Fondazione Missio (organismo della conferenza episcopale italiana) e dalla diocesi di Brescia, il Fstival della Missione avrà come scenario le piazze e gli spazi del centro città. 

Leggi di più

Kiremba - Luglio 2017
Saper leggere i segni di speranza

La missione richiede vivacità, attenzione, capacità di stare ed essere a contatto con situazioni multiformi e imprevedibili.

Leggi di più

Kiremba - Maggio 2017
Esodo: il Poòpolo di Dio in camminio

Il popolo di Dio si arricchisce di giorno in giorno di presenze, volti, vissuti e si amplia raggiungendo culture e linguaggi diversi e variegati...

Leggi di più

Kiremba - Ottobre 2016
Nel nome della Misericordia - 90° Giornata missionaria mondiale

Leggi di più

Kiremba - Luglio 2016
Missionari del Vangelo della gioia

Leggi di più

13 Maggio - LabMissio
Missioni - Appuntamenti

Anche quest'anno l'Ufficio per le Missioni ripropone l'esperienza del LabMissio: una giornata per vivere insieme la missionarità.

Leggi di più

Kiremba - Febbraio 2017
Prendete e Mangiatene Tutti - Quaresima missionaria

Tutti i dettagli sulla quaresima missionaria con il sussidio ed i progetti da sostenere, la giornata di preghiera per i martriri cristiani, le testimonianze dei nostri fidei donum dal Canada e dal Messico. Inoltre un' intervista ai profughi siriani arrivati a Brescia, l'Evangelii Gaudium portata nelle nostre parrocchie oltre alla rubrica di formazione e spiritualità

Leggi di più

Quaresima Missionaria 2017
Missioni - Quaresima

Il tema del percorso quaresimale, riprende le fasi della lavorazione del pane: il richiamo eucaristico è evidente ed il sussidio, pensato per le famiglie ma utilizzabile anche per brevi momenti di preghiera comunitari, ci accompagnerà passo passo in un itinerario di riflessione sostenuto dalle testimonianze di vita missionaria.

Leggi di più

Schede di Formazione
Animazione -

Raccolta delle schede di formazione: strumenti che offrono spunti di riflessione, approfondimento, e proposte di preghiera personale o comunitaria.

Leggi di più

Kiremba - Dicembre 2016
“Brescia, una Diocesi generosa!” ( Papa Francesco 26-10-2016 )

Ampia sintesi del convegno dei Fidei donum svoltosi a Brescia, testimonianze dei ragazzi di "Nuovi stili di Viaggio" e tante altre voci che colorano il mondo della missione a Brescia e nel mondo.

Leggi di più

Kiremba - Maggio 2016
COInVOLTI : una Chiesa missionaria attraente

Leggi di più

Kiremba - Febbraio 2016
Quaresima: tempo di Misericordia

Leggi di più

Kiremba - Dicembre 2015
Riceverete forza dallo spirito

Leggi di più

Kiremba - Ottobre 2015
Dalla parte dei Poveri: 89° Giornata Missionaria Mondiale

Leggi di più

Missionari del Vangelo della Gioia
Ufficio per le Missioni

Dal Canada al Mozambico, dal Brasile all'Albania. Le vite e le storie dei presbiteri Fidei Donum bresciani che operano lontano dalla Diocesi.

Leggi di più

Sussidio 2016-17 : attività missionarie
Ufficio per le Missioni

Il territiorio bresciano è denso di proposte a carattere missionario. Qui sono state inserite quelle che coinvolgono le tante realtà che ruotano intorno al centro missionario diocesano.

Leggi di più

Ottobre missionario
01/10/2016 | Missioni

È possibile ritirare il materiale per l'animazione missionaria, per chi ne facesse richiesta, presso l'Ufficio per le Missioni, in Via Trieste 13/B a Brescia.

Leggi di più

Mostra biografica su Mons. Cesare Mazzolari

La Mostra è organizzata da Cesar-Fondazione Mons.Cesare Mazzolari Onlus e si terrà presso il Centro Internazionale di Studi e Documentazione Istituto PAOLO VI. Via G. Marconi, 15 Concesio (BS).

Mons. Cesare Mazzolari  (Brescia, 1937 - Rumbek, 2011) per oltre 20 anni visse coraggiosamente in Sud Sudan in mezzo alla sua gente e sopportò le conseguenze della guerra e della povertà. A tutti chiedeva l'impegno a «non dimenticare perché la gente del Sud Sudan ha bisogno di una pace giusta nel rispetto dei diritti umani». Era un vescovo che drammaticamente parlava di guerra: «Il Sudan è lo stato dell'Africa più povero tra i poveri: 40 anni di guerre tribali il cui unico fine è la conquista del potere e l'acquisizione di risorse quali petrolio, acqua e oro, presenti in grandi quantità». Gli interessi globali, come specifica monsignor Mazzolari, avevano prevalso sul bene della gente: «Non esiste più rispetto dei diritti umani e la parola “libertà” è un termine sconosciuto, è stata spazzata via». Lavorare quotidianamente nella diocesi non significava solo sfamare e aiutare il popolo sudanese ad uscire da una condizione di povertà totale, ma creare i presupposti per mantenere la pace, siglata il 9 gennaio 2005. È scomparso nel 2011 all'età di 74 anni, colto da malore mentre celebrava la Messa.

Leggi di più

10 Ottobre - Festa liturgica di S.Daniele Comboni
26/09/2016 | Incontro con i sacerdoto della diocesi di Brescia

In occasione della festa liturgica di San Daniele Comboni, i missionari comboniani invitano tutti i sacerdoti della Diocesi, per una mattinata di condivisione.

Leggi di più

Dare un'anima
13/09/2016 | Animazione missionaria

Qualcosa di nuovo sta germinando, nel nascondimento, senza clamore, con qualche fatica: nei prossimi mesi l’equipe del Centro Missionario Diocesano proverà a mettersi al passo di alcune Unità Pastorali che stanno cercando di interpretare nell’oggi il Vangelo di sempre, parrocchie che sanno sognare una evangelizzazione molto meno “clericocentrica” e aperte ai doni che lo Spirito non fa mai mancare alla sua chiesa.

Leggi di più

Don Gianfranco Cadenelli
Fidei Donum

Albania

Leggi di più

Don Tarcisio Moreschi
Fidei Donum

Tanzania

Leggi di più

Don Piero Marchetti Brevi
Fidei Donum

Mozambico

Leggi di più

Don Dario Guerra
Fidei Donum

Argentina

Leggi di più

Don Antonio Zatti
Fidei Donum

Uruguay

Leggi di più

Don Santo Baccherassi
Fidei Donum

Uruguay

Leggi di più

Don Giuseppe Ghitti
Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Don Carlino Cirelli
Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Mons. Carlo Verzeletti
Vescovo Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Don Pierino Bodei
Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Don Renato Soregaroli
Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Mons. Edoardo Graziotti
Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Mons. Piero Conti
Vescovo Fidei Donum in Brasile

Brasile 

Leggi di più

Don Giovanni Magoni
Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Don Lino Zani
Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Don Paolo Zola
Fidei Donum

Brasile

Leggi di più

Don Andrea Ravasio
Fidei Donum

Venezuela

Leggi di più

Don Giannino Prandelli
Fidei Donum

Venezuela 

Leggi di più

Mons. Lorenzo Voltolini
Arcivescovo Fidei Donum

Ecuador 

Leggi di più

Mons. Giovanni Battista Piccioli
Vescovo Ausiliare Fidei Donum

Ecuador 

Leggi di più

Don Giorgio Peroni
Fidei Donum

Ecuador

Leggi di più

Don Marco Marelli
Fidei Donum

Messico

Leggi di più

Don Mario Neva
Fidei Donum

Canada 

Leggi di più

Linee per un progetto di pastorale missionaria: si parte!
Ufficio per le Missioni

Se sapremo essere docili e attenti a ciò che il Signore chiede e suscita nella comunità cristiana allora il progetto fiorirà e porterà frutti copiosi e abbondanti: magari non quelli che desideriamo e vogliamo noi, ma quelli che Dio desidera e dispone.

Leggi di più

Contemplazione e Missione
Ufficio per le Missioni

Spesso lo ripetiamo: abbiamo bisogno di conversione; questo termine lo associamo a noi stessi e lo chiamiamo “conversione personale”, lo attribuiamo alla società, al mondo e  lo esprimiamo con riferimento ai costumi, agli usi, al sentire comune; auspichiamo anche la “conversione della pastorale” come passaggio necessario e autentico per essere  costantemente fedeli a Dio e fedeli all’uomo.

Leggi di più

Vicini all' Ecuador
Ufficio per le Missioni

La Diocesi di Brescia raccoglie l'appello: Ufficio per le Missioni, Caritas diocesana, Cuore Amico fraternità Onlus, Medicus Mundi Italia Onlus e Associazione Centro Migranti Onlus hanno deciso di coordinarsi per un’azione di aiuto comune e sinergica,

Leggi di più

© 2019 Diocesi di Brescia