Coronavirus

11.01.2022 – Aggiornamenti Vicario Generale

Cari presbiteri, consacrati e famiglie, vi raggiungo per alcuni aggiornamenti in merito alla situazione sanitaria che stiamo vivendo. Esorto tutti alla massima prudenza. Vi estendo le parole pronunciate ieri, 10 gennaio 2022, dalla Conferenza episcopale italiana: “Purtroppo, la pandemia non accenna a finire e proprio in questi giorni il numero dei contagi continua a salire. Si tratta senza dubbio di una grande prova per tutti: malati e sofferenti, medici e operatori sanitari, anziani e minori, poveri, famiglie. E anche per i sacerdoti che, nonostante tutto, sono sempre prossimi al Popolo di Dio; per i catechisti, gli educatori e gli operatori pastorali, veri maestri e testimoni. Consci della situazione generale, raccomandiamo a tutti prudenza, senso di responsabilità e rispetto delle indicazioni utili a contenere l’epidemia”. Al riguardo, sono ormai noti gli aggiornamenti normativi introdotti dagli ultimi tre decreti legge (DL 24 dicembre 2021, n. 221; DL 30 dicembre 2021, n. 229; DL 7 gennaio 2022, n.1).

Proviamo a riassumere alcuni punti importanti:

Celebrazioni liturgiche. Non è richiesto il Green Pass, ma si continua a osservare quanto previsto dal Protocollo CEI-Governo del 7 maggio 2020, integrato con le successive indicazioni del Comitato Tecnico-Scientifico: mascherine, distanziamento tra i banchi, niente scambio della pace con la stretta di mano, acquasantiere vuote…  Tale Protocollo CEI-Governo riguarda solamente le Sante Messe e le celebrazioni liturgiche svolte all’interno degli edifici di culto. Occorre rispettare accuratamente quanto previsto, in particolar modo: siano tenute scrupolosamente le distanze prescritte; sia messo a disposizione il gel igienizzante; siano igienizzate tutte le superfici (panche, sedie, maniglie…) dopo ogni celebrazione. Circa le mascherine, la FFP2 ha un elevato potere filtrante e viene raccomandata, come peraltro le autorità stanno ribadendo in questi giorni.

Mascherine FFP2. Per i ministri ordinati e per gli operatori pastorali è vivamente raccomandato l’utilizzo della mascherina FFP2. L’uso di mascherine FFP2 è obbligatorio per Legge in alcune situazioni. Si consiglia l’utilizzo anche per tutte le attività organizzate da enti ecclesiastici.

Comunione agli ammalati. Per tutto il mese di gennaio riteniamo opportuno non portare la comunione agli ammalati nelle case. Per quanto concerne i ministri ordinati (sacerdoti e diaconi) è possibile per situazioni gravi o se richiesti, in accordo con i familiari, con le seguenti attenzioni: igienizzazione delle mani; comunione sulla mano possibilmente; nella stanza ci siano meno persone possibili e tutti indossino sempre la mascherina. Per amministrare il sacramento dell’unzione dei malati si usi un batuffolo di cotone. La comunione, nei casi sopra citati, potrà essere portata solo dai ministri ordinati vaccinati o con Green pass rafforzato.

Obbligo vaccinale per gli over 50. Ricordiamo che, a partire dall’8 gennaio 2022, è stato introdotto l’obbligo vaccinale per tutti coloro che hanno compiuto 50 anni. La vaccinazione può essere omessa o differita in caso di accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale dell’assistito o dal medico vaccinatore. Dal 1° febbraio 2022 saranno in vigore le sanzioni pecuniarie per coloro che non vi adempiono e dal 15 febbraio 2022 sarà necessario il Green Pass rafforzato per l’accesso ai luoghi di lavoro per i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età.

Oratorio. Per quanto riguarda le attività della catechesi e dell’oratorio si rimanda agli aggiornamenti pubblicati il 10 gennaio 2022 e curati dagli Uffici preposti e disponibili sul sito del Centro Oratori Bresciani.

 

Grazie ancora della vostra attenzione e collaborazione.

don Gaetano Fontana

Brescia, 11 gennaio 2022