Archivi

Famiglia, Salute

Giornata per la Vita 2023

Giornata per la Vita 2023

La morte non è mai la soluzione”, questo ci ricordano i Vescovi italiani per la 45^ Giornata nazionale per la Vita. Ogni anno dal 1978 viene celebrata nella prima domenica di febbraio per decisione di San Paolo VI, che la istituì negli ultimi mesi del suo pontificato, anno in cui in Italia divenne possibile l’aborto volontario. «La Chiesa non si rassegna e non si rassegnerà mai», disse allora Papa Montini. Per questo la Chiesa, che è Madre, mantiene desta la coscienza dei suoi figli e di tutta la società civile sul dramma dell’aborto, che, spezzando l’inscindibile binomio “libertà e vita”, distrugge la più amorevole e primaria delle relazioni, quella tra una madre e suo figlio. Mettere termine ad una esistenza non è mai una vittoria, né della libertà, né della società, né dell’umanità. E’ il tragico esito di persone spesso lasciate sole con i loro problemi e la loro disperazione. Il vero diritto di civiltà da rivendicare e da insegnare è quello che ogni vita, terminale o nascente, venga adeguatamente custodita. Per questo i nostri Vescovi nel messaggio di quest’anno ricordano in particolare di “educare le nuove generazioni alla gratitudine per la vita ricevuta e all’impegno di custodirla con cura, in sé e negli altri”.

Come ogni anno l’Ufficio per la Famiglia e l’Ufficio per la Salute propongono una Santa Messa per la Vita nella Basilica di Santa Maria delle Grazie a Brescia, alle ore 16.00 di domenica 5 febbraio 2023, invitando in particolare le volontarie dei Centri di Aiuto alla Vita presenti a Brescia e le mamme che hanno detto “sì” alla vita coi loro bambini.

Il giorno prima, sabato 5 febbraio alle ore 10.00 il Vicario Generale della Diocesi, Mons. Gaetano Fontana, si recherà nel reparto Maternità della Poliambulanza di Brescia per portare la benedizione del Signore ai neonati e alle loro mamme.

Impegno sociale

Confronto con i candidati alla presidenza della Regione Lombardia

La carità politica presuppone di aver maturato un senso sociale che supera ogni mentalità individualistica. (FT182) e solo “la migliore politica, che nasce dall’amore politico”, può porsi come guida di “un’economia integrata in un progetto sociale, culturale e popolare che tende al bene comune” (FT 179).

La Consulta Regionale Lombarda di Pastorale Sociale propone la via del dialogo e del confronto con i 4 candidati alla presidenza della regione su temi relativi a famiglia, lavoro, inclusione, infrastrutture e salute; è un modo semplice per accrescere la consapevolezza di ciascuno di noi su temi di interesse comune.

Crediamo che la consapevolezza sia fondamentale; non a caso il termine consapevolezza è derivato di consapere, composto di con e sapere; è quel “sapere con” che ci aiuta a superare gli steccati degli interessi di parte. Consapevolezze condivise rendono possibile un agire comune.

L’appuntamento è in programma mercoledì 1 febbraio alle ore 18.00 e può essere seguito in diretta streaming sul canale Youtube Pastorale Sociale BG.

Caritas Diocesana

Nella creatività, carità incipienti: proposta formativa

Nella creatività, carità incipienti_COPERTINA A4

Alla luce del discernimento di quanto emerso dai 35 tavoli di confronto dell’incontro delle Caritas Parrocchiali del 5 novembre 2022 (vedi Civiltà dell’amore, sogno condiviso), Caritas Diocesana di Brescia propone alle Caritas parrocchiali di continuare a rendere realtà il sogno di una civiltà dell’amore attraverso un itinerario di tre incontri guidati da un facilitatore.
L’itinerario formativo è ritmato dalla traccia “Nella creatività, carità incipienti” e si propone di ritornare sui fondamentali di Caritas, condividere la lettura spirituale della Parola, misurarsi sulla via della creatività.
Ogni itinerario si specificherà in ordine alla singola comunità/realtà caritas.

Per prendere parte alla proposta formativa e calendarizzare gli incontri (per i mesi di marzo, aprile, maggio) contattare Caritas Diocesana, tel. 030 3757746 – caritas@caritasbrescia.it

Alla pagina “Insieme per una civiltà dell’amore” trovi i materiali relativi a questa proposta formativa.


Salute

Giornata Mondiale del Malato 2023

Giornata Mondiale del Malato 2023_LOCANDINA

L’11 febbraio 2023 ricorre la XXXI Giornata Mondiale del Malato.

«Abbi cura di lui».
La compassione come esercizio sinodale di guarigione.
Dal messaggio del Santo Padre.

In questa XXXI Giornata Mondiale del Malato, nel pieno di un percorso sinodale, vi invito a riflettere sul fatto che proprio attraverso l’esperienza della fragilità e della malattia possiamo imparare a camminare insieme secondo lo stile di Dio, che è vicinanza, compassione e tenerezza.
Qui sotto è disponibile il materiale per l’animazione pastorale nelle comunità:

Impegno Sociale

In preghiera per la pace

L’Ufficio per l’Impegno Sociale propone una Veglia di preghiera da celebrare nella propria parrocchia nel mese di gennaio, mese dedicato alla riflessione e alla preghiera per la pace.

Il tema del messaggio di Papa Francesco per la 56° Giornata Mondiale della Pace è “Nessuno può salvarsi da solo. Ripartire dal Covid-19 per tracciare insieme sentieri di pace”.
Abbiamo bisogno di pace e abbiamo bisogno come umanità di percorrerne i sentieri.
La preghiera può aiutarci a non cedere alla tentazione dell’indifferenza di fronte alle tante famiglie che scappano dalla guerra e alle tante persone che soffrono a causa delle disuguaglianze e delle ingiustizie sociali.
La preghiera condivisa può ridare al nostro cuore la consapevolezza che ai problemi sociali si risponde solo con reti comunitarie.

Scarica i documenti:

 

Caritas Diocesana

Emergenza Ucraina: terza tranche di contributi per le parrocchie

EMERGENZA UCRAINA

E’ in arrivo una terza tranche di contributi a sostegno delle parrocchie attive nell’accoglienza nell’ambito dell’emergenza Ucraina.

Duplici le possibilità di contributo, da richiedere compilando e inviando l’apposito modulo a emergenzaucraina@caritasbrescia.it entro il 20 gennaio 2023.

  • Per l’accoglienza realizzata dalle parrocchie – in immobili di sua proprietà o utilizzati dalla parrocchia in comodato ad uso gratuito – al di fuori del sistema di accoglienza tramite bando (vedi: SAI, Bandi CAS Prefettura o Protezione Civile), Caritas Diocesana rinnova il sistema di compartecipazione alle spese sostenute, in rapporto al numero di persone accolte. Il contributo viene riconosciuto fino a un massimo di 5.000 euro (modulo A).
  • Per il sostegno assicurato dalla parrocchia a “persone/famiglie della comunità” che si sono attivate nell’accoglienza, Caritas Diocesana rinnova la compartecipazione al sostegno dato dalle parrocchie/caritas alle persone/famiglie accoglienti, in rapporto al numero di persone accolte. Il contributo viene riconosciuto fino a un massimo di 3.000 euro (modulo B)

Caritas Diocesana

Nuovo bando di Servizio Civile 2022

SCU_bando 2022_visual A4

Hai tra i 18 e i 28 anni? Hai voglia di metterti in gioco e vivere un’esperienza significativa?

Il Servizio Civile Universale è l’esperienza che fa per te!

ATTENZIONE! E’ uscito il nuovo bando di Servizio Civile
Candidati entro il 10 febbraio 2023 ore 14.00

Cosa è?

È una proposta del Ministero per le Politiche Giovanili e Servizio Civile che pubblica annualmente il Bando per il concorso di partecipazione.
È scegliere di dedicare alcuni mesi della propria vita nel volontariato e nell’impegno civile.
È una possibilità di crescita e di formazione personale e professionale.

Come funziona?

Il servizio effettivo dura 12 mesi e richiede un impegno di 25 ore alla settimana.

Caritas Diocesana di Brescia propone 59 posti in servizi educativi e di assistenza in quattro ambiti:

Le sedi dei centri operativi di Servizio Civile sono distribuite in Brescia e provincia.

Parteciperai a un percorso di formazione lungo tutta la tua esperienza. L’équipe di formazione Caritas non ti farà mai sentire solo/a.
È previsto un rimborso mensile di 444,30 €.
Conoscerai tanti altri giovani e affronterai nuove sfide che ti faranno crescere.
Ti affaccerai al mondo lavorativo e verso la fine del servizio sarai aiutato da un tutor a capire come valorizzare questa esperienza nel tuo percorso di studio e/o di lavoro.
Riceverai una certificazione delle competenze che hai acquisito facendo il Servizio Civile.

Chi può partecipare?

Requisiti di base:

  1. cittadinanza italiana, oppure di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, oppure di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;
  2. aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
  3. non aver riportato condanne penali (vedere indicazioni specifiche contenute nel bando ordinario);
  4. non avere rapporti di lavoro con l’ente che realizza il progetto nell’anno precedente.

Come puoi candidarti al BANDO 2022?

Devi presentare la domanda di partecipazione attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it.

NB: nella compilazione fai attenzione alla sezione della domanda inerente alle esperienze perché verrà valutata ai fini della selezione. Indica tutte le esperienze di volontariato che hai svolto specificando per ognuna la durata dell’esperienza e l’ente presso il quale hai operato.

Per una scelta più adatta a te ti suggeriamo di prendere contatto con noi

Contattaci: young@caritasbrescia.it, 327 0320758 (whatsapp)
Ti richiameremo per capire meglio, insieme, quali sono le opportunità di servizio.
Compilerai questa scheda per un primo orientamento.
Potrai conoscere la sede prescelta, nel rispetto delle norme di prevenzione Covid-19, per conoscere in concreto come si svilupperà il servizio.
Dopo la scadenza del Bando ci sarà la selezione ufficiale. Le convocazioni per la selezione e i risultati saranno pubblicati su questo sito.

Per saperne di più

https://www.politichegiovanili.gov.it/
https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/


Caritas Diocesana

Contest di Approdi: per una cultura dell’incontro

Contest Approdi

Per l’anno scolastico 2022-23 gli studenti e le studentesse della scuola secondaria di secondo grado, oltre a partecipare agli incontri di formazione di APPRODI, promossi da YOUng Caritas Brescia sui temi della cittadinanza digitale e dello sviluppo sostenibile, possono partecipare a un contest in cui sono loro i protagonisti.

Il tema: “Per una cultura dell’incontro”.

L’obiettivo: mostrare come si può promuovere la cultura dell’incontro attraverso la cittadinanza digitale (fake news, hate speech/odio on line, gestione dei propri dispositivi…) o lo sviluppo sostenibile (migrazioni e accoglienza, culture diverse…).

La modalità di partecipazione: creare e condividere con lo staff di YOUng Caritas Brescia un video di massimo 90 secondi (reel).

I reel verranno pubblicati sulla pagina Instagram di YOUng Caritas Brescia (@youngcaritasbs) e quelli più votati verranno giudicati da una giuria scelta.

I vincitori potranno selezionare poi un’associazione o ente che si occupa di promuovere la cultura dell’incontro e a cui YOUng Caritas Brescia si impegna a devolvere la somma di euro 300.

Scarica il regolamento completo del Contest Approdi 2022.23 per una cultura dell’incontro.

Per informazioni scrivere a formazione.young@caritasbrescia.it o chiamare 345 071 2427

Impegno sociale

Di chi ti prendi cura?

Siamo analfabeti nella cura!

È l’affermazione forte contenuta nell’enciclica “Fratelli Tutti” che così fotografa la nostra società: “Siamo cresciuti in tanti aspetti ma siamo analfabeti nell’accompagnare, curare e sostenere i più fragili e deboli delle nostre società sviluppate. Ci siamo abituati a girare lo sguardo, a passare accanto, a ignorare le situazioni finché queste non ci toccano direttamente”.

Siamo sfidati a recuperare la nobiltà dell’atto politico: assumerci la responsabilità del benessere di tutti, come membri di un’unica famiglia umana. Persone che si fanno prossime perché il bene sia comune.

L’incontro per le persone impegnate in politica e nella vita sociale del 17 dicembre 2022 vuole essere un’occasione di confronto sull’indispensabile necessità della dimensione spirituale per recuperare la nobiltà della politica. Potremmo riconoscere come “anche nella politica c’è spazio per amare con tenerezza” (FT 194) perché la qualità della politica è legata alla qualità umana di chi si impegna in essa.

Tutti noi saremo provocati a diventare attori politici guidati dal nostro cuore, dalla nostra interiorità.

Di chi ti prendi cura 2022: scarica la locandina

scarica il testo dell’intervento di Manicardi