Archivi della categoria: In evidenza Società

Giornata per la Vita 2023La morte non è mai la soluzione”, questo ci ricordano i Vescovi italiani per la 45^ Giornata nazionale per la Vita. Ogni anno dal 1978 viene celebrata nella prima domenica di febbraio per decisione di San Paolo VI, che la istituì negli ultimi mesi del suo pontificato, anno in cui in Italia divenne possibile l’aborto volontario. «La Chiesa non si rassegna e non si rassegnerà mai», disse allora Papa Montini. Per questo la Chiesa, che è Madre, mantiene desta la coscienza dei suoi figli e di tutta la società civile sul dramma dell’aborto, che, spezzando l’inscindibile binomio “libertà e vita”, distrugge la più amorevole e primaria delle relazioni, quella tra una madre e suo figlio. Mettere termine ad una esistenza non è mai una vittoria, né della libertà, né della società, né dell’umanità. E’ il tragico esito di persone spesso lasciate sole con i loro problemi e la loro disperazione. Il vero diritto di civiltà da rivendicare e da insegnare è quello che ogni vita, terminale o nascente, venga adeguatamente custodita. Per questo i nostri Vescovi nel messaggio di quest’anno ricordano in particolare di “educare le nuove generazioni alla gratitudine per la vita ricevuta e all’impegno di custodirla con cura, in sé e negli altri”.

Come ogni anno l’Ufficio per la Famiglia e l’Ufficio per la Salute propongono una Santa Messa per la Vita nella Basilica di Santa Maria delle Grazie a Brescia, alle ore 16.00 di domenica 5 febbraio 2023, invitando in particolare le volontarie dei Centri di Aiuto alla Vita presenti a Brescia e le mamme che hanno detto “sì” alla vita coi loro bambini.

Il giorno prima, sabato 4 febbraio alle ore 10.00 il Vicario Generale della Diocesi, Mons. Gaetano Fontana, si recherà nel reparto Maternità della Poliambulanza di Brescia per portare la benedizione del Signore ai neonati e alle loro mamme.

Impegno sociale

Confronto con i candidati alla presidenza della Regione Lombardia

La carità politica presuppone di aver maturato un senso sociale che supera ogni mentalità individualistica. (FT182) e solo “la migliore politica, che nasce dall’amore politico”, può porsi come guida di “un’economia integrata in un progetto sociale, culturale e popolare che tende al bene comune” (FT 179).

La Consulta Regionale Lombarda di Pastorale Sociale propone la via del dialogo e del confronto con i 4 candidati alla presidenza della regione su temi relativi a famiglia, lavoro, inclusione, infrastrutture e salute; è un modo semplice per accrescere la consapevolezza di ciascuno di noi su temi di interesse comune.

Crediamo che la consapevolezza sia fondamentale; non a caso il termine consapevolezza è derivato di consapere, composto di con e sapere; è quel “sapere con” che ci aiuta a superare gli steccati degli interessi di parte. Consapevolezze condivise rendono possibile un agire comune.

L’appuntamento è in programma mercoledì 1 febbraio alle ore 18.00 e può essere seguito in diretta streaming sul canale Youtube Pastorale Sociale BG.

Caritas Diocesana

Insieme per una civiltà dell’amore

Insieme per una civiltà dell'amore

“La Chiesa è da sempre abitata un sogno: il Regno di Dio. Mi chiedo: ci siamo disabituati a sognare? Ricominciamo a sognare, diceva Papa Francesco. Nella circostanza del 50° di fondazione di Caritas Italiana ricordiamo la figura di San Paolo VI ed attraverso di lui risentiamo il sogno della Chiesa di allora e di sempre: Sogniamo noi forse quando parliamo di una civiltà dell’amore? Il sogno nella sua evidenza antropologica e nella sua risonanza teologica è da sempre un cielo, una visione, una spinta, un appello, una via da percorrere.”

Don Maurizio Rinaldi, 5 novembre 2022

Insieme per… approfondire

Questa sezione di 50perTRE. Carità incipienti per una civiltà dell’amore raccoglie i materiali più significativi condivisi nel corso dell’Incontro Caritas Parrocchiali “Insieme per una civiltà dell’amore” (5 novembre 2022) e offre l’opportunità di continuare a riflettere sulla necessità e sulle modalità per osare il sogno della civiltà dell’amore.

SOGNI DI FRATERNITA’, SEGNI DI SPERANZA

A PARTIRE DALLE PALLINE DI ARGILLA

IL SOGNO: DIMENSIONE ANTROPOLOGICA E IMPULSI CREATIVI

IL DISCERNIMENTO: CONNETTERE SOGNO E REALTA’

LA CIVILTA’ DELL’AMORE: TRE INVITI

Per approfondire vedi:

Insieme per… riconoscere

Questa sezione di 50perTRE. Carità incipienti per una civiltà dell’amore, a partire dai materiali messi a disposizione nella sezione qui sopra (Insieme per… approfondire), offrirà la possibilità di un itinerario di discernimento come gruppo Caritas. L’itinerario prende le mosse dalla proposta condivisa nei tavoli di confronto dell’Incontro delle Caritas Parrocchiali (Cattedrale di Brescia, 5 novembre 2022).

Traccia per la condivisione in piccoli gruppi

La condivisione della proposta Nella creatività, carità incipienti si articola in tre incontri, guidati da un facilitatore: “in successione ritorneremo innanzitutto sui fondamentali di Caritas; continueremo con la lettura spirituale della Parola; in essa, concluderemo nella elaborazione creativa di una risposta in atto e in divenire alla vita che chiede” (don Maurizio Rinaldi).

Per attivazione percorso di accompagnamento contattare Caritas Diocesana: tel. 030 3757746 – caritas@caritasbrescia.it